forma ai coloriTitolo del progetto

Diamo forma al colore

 



Destinatari:

I bambini della scuola dell'Infanzia e

della Sezione Primavera

Docenti referenti:

Per la Sezione Primavera:

  • Cugia Giovanna

Per la I sezione:

  • Merella Valentina

Per la II sezione:             

  • Natalini Maddalena

Per la III sezione

  • Suor Falchi Paolina
Classi coinvolte:

Le classi coinvolte sono quattro:

  • Sezione Primavera (24/36 mesi)
  • I Sezione (3 anni)
  • II Sezione (4 anni)
  • III Sezione (5 anni)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

MOTIVAZIONE

I colori esercitano sui bambini una grande attrattiva: costituiscono un grande mezzo espressivo e consentono la fruizione di esperienze ad alto valore formativo. La scuola dell’infanzia ha perciò il compito di favorire la percezione cromatica, puntualizzando in un primo momento la conoscenza dei colori fondamentali e stimolando poi la scoperta di quelli derivati e delle gradazioni cromatiche.

Il progetto nasce dal desiderio di educare i bambini all’espressione cromatica, effettuando un percorso di scoperta e di utilizzo dei colori, soprattutto partendo dal presupposto che il colore è un linguaggio, ed è quindi comunicazione, espressione, creatività … per vivere quelle esperienze attive che sono il primo passo verso un’espressione creativa che nasce e si sviluppa attraverso il piacere prima visivo e poi corporeo, per divenire così piacere estetico .

FINALITA’

Il progetto intende stimolare la fantasia, l’immaginazione e la creatività offrendo ai bambini e alle bambine varie esperienze attraverso la manipolazione di diversi materiali.

Con tale progetto ci proponiamo di far scoprire ai bambini le svariate possibilità espressive che ogni materia tracciante racchiude in sé; come, con il medesimo strumento, si possano tracciare segni diversi variando la pressione, la velocità, il supporto.

OBIETTIVI (COGNITIVI E TRASVERSALI)

- Percepire e denominare i colori primari

- Percepire e denominare i colori secondari

- Conoscere e formare i colori secondari

- Usare spontaneamente il colore

- Effettuare mescolanze cromatiche

- Seriare gradazioni di colore

- Inventare composizioni cromatiche

- Potenziare le capacità artistiche

- Produrre elaborati utilizzando tecniche differenti

- Apprendere diverse tecniche e modalità pittoriche

- Utilizzare il materiale in modo appropriato

- Manipolare materiali e oggetti

- Scoprire vari tipi di impronte utilizzando materiale di vario tipo

- Riprodurre graficamente diversi tipi di segno

- Descrivere ed interpretare i propri elaborati

- Osservare e riprodurre opere d’arte

- Collaborare con il gruppo ad una esperienza comune

- Esprimere sentimenti ed emozioni attraverso il colore

- Rafforzare le capacità espressive

- Saper interagire con gli altri

- Portare a termine il lavoro intrapreso

- Aver cura del materiale

DESTINATARI

I bambini della sezione Primavera, della I, II e III sezione, rispettivamente di 2, 3, 4 e 5 anni

METODOLOGIA

Il progetto prevede un percorso di attività laboratoriali, con l’utilizzo dei seguenti metodi e strategie pratiche:

METODO DI ANIMAZIONE (GROUPWORK): processi di apprendimento centrati sul gruppo: gruppi di discussione; gruppi di lavoro

MASTERY LEARNING: attenzione a favorire il raggiungimento della “padronanza” e del “successo” grazie al rinforzo positivo

METODI ATTIVI: il bambino apprende solo attraverso la propria attività, scopre in maniera autonoma ed è posto di fronte al problema visto nella sua interezza e complessità; l’insegnante fornisce consulenza e aiuto durante il processo di apprendimento

DISCUSSIONE: consente un maggiore coinvolgimento dei bambini, facilita i processi di scoperta e ridistribuisce il controllo sul bambino o sul gruppo

CONVERSAZIONE GUIDATA: è "un’ indagine" nel gruppo e con il gruppo:

posto un problema o una situazione conoscitiva in un ambito disciplinare, l'insegnante invita i bambini a esprimere quello che sanno sull’argomento (punti di vista, osservazioni, possibili soluzioni). L'avvio è sempre caratterizzato da brevi domande-stimolo. Può essere promosso "un giro di idee", che permette a tutti gli allievi di intervenire secondo una modalità vicina a quella del brain-storming, al quale segue un'interazione di gruppo, che rende possibile il confronto tra i saperi dei bambini. Sono necessari la sospensione del giudizio, dare la parola a tutti, sollecitare, rinunciare al "no, non va", rilanciare un'idea e fermarsi quando si sente che l'interessa sta calando. La presenza attiva dell'insegnante è essenziale nell'aiutare i bambini a cogliere i tratti emergenti del modo di apprendere e annotarli (impulsivo, intuitivo, sistematico, verbale, visuale …)

Il BRAIN-STORMING: attività di gruppo e tecnica speciale per stimolare e generare idee. La strategia si esplicita come un insieme di processi di comunicazione opportunamente stimolati e indirizzati per far scaturire il massimo di idee utilizzabili nel minor tempo possibile. E' un ausilio per l'attività immaginativa-individuale e un mezzo didattico per migliorare il pensiero creativo. Può contribuire a far emergere comportamenti più tolleranti e produttivi. L’insegnante deve accettare tutte le idee, sospendere giudizi/valutazioni, verbalizzare o annotare le idee.

DIDATTICA METACOGNITIVA: si sviluppa nel bambino la consapevolezza di ciò che sta facendo e del motivo per cui lo fa, diventando gestore del proprio processo cognitivo.

DURATA E FASI DI LAVORO

Il progetto si articolerà in 4 mesi (gennaio - aprile 2010) e sarà suddiviso nelle seguenti fasi di lavoro:

GENNAIO:

»       dal 7 al 15: percezione cromatica e conoscenza dei colori fondamentali

»       dal 18 al 29: scoperta dei colori derivati

FEBBRAIO:

»       dal 1° al 12: conoscenza e seriazione gradazioni cromatiche

»       dal 15 al 26: colori caldi e colori freddi

MARZO:

»       dal 1° al 12: il colore come linguaggio, comunicazione ed espressione di sentimenti e sensazioni positivi e/o negativi

»       dal 15 al 31: potenziamento delle capacità artistiche; produzione di elaborati con l’utilizzo di tecniche differenti; osservazione e  riproduzione di opere d’arte; libertà di espressione artistica

APRILE:

»       scelta degli elaborati; preparazione e allestimento del locale da utilizzare per la mostra

RISORSE UMANE

Le referenti per la realizzazione del progetto sono le tre insegnanti della scuola dell’infanzia:

-   Suor Falchi Paolina per la III sezione

-   Natalini Maddalena per la II sezione

-   Merella Valentina per la I sezione

-   Cugia Giovanna per la sezione Primavera

con l’ausilio delle due assistenti:

-   Idili Maria Immacolata

-   Esposito Vittoria

MEZZI E STRUMENTI

Gli spazi utilizzati saranno: salone, cortile e aule

Gli strumenti utilizzati saranno: : pennarelli, pastelli, colori a cera, pennelli, spatole, pennini, cannucce, rulli, carta di vario tipo e consistenza, tempere, matite, penne, acquerelli, gessi, timbri, tappi di sughero e di plastica, spazzolino da denti …, vari tipi di supporto (carta, cartoncino, carta assorbente, stoffa, legno …)

VERIFICA E VALUTAZIONE

La verifica, effettuata attraverso l’osservazione del bambino in momenti specifici dell’intervento educativo, sarà mirata a valutare il tipo di atteggiamento assunto dal bambino nei confronti del colore, a verificare se le esperienze effettuate abbiano  favorito l’espressione dei sentimenti e ad accertare se vi sia la necessità di rafforzare la conoscenza dei materiali e di favorire la capacità di utilizzarli in maniera adeguata.

PRODUZIONE

Al termine del progetto, nel mese di Aprile, è previsto  l’allestimento di una mostra con gli elaborati dei bambini che si terrà presso un locale della città di Alghero, con il consenso e l’autorizzazione del comune. La mostra resterà aperta al pubblico per la durata di un paio di giorni.